Disintossicarsi dalle tossine della chemioterapia grazie all’alimentazione

Pubblicato in SOS Cancro da MaraLascia un commento

disintossicarsi-chemioterapia-alimentazione

Vi ho già parlato in articoli dedicati di come il benessere e la salute del nostro organismo dipendano strettamente da come il nostro corpo riesce ad espellere le tossine che ne danneggiano il corretto funzionamento. Se desideri approfondire l’argomento potresti trovare interessante questo articolo: https://www.cancercoach.it/sos-cancro/vuoi-disintossicarti-dalla-chemio-non-trascurare-lidratazione/, dedicato al tema dell’idratazione come rimedio naturale per disintossicare il corpo dalle tossine della chemioterapia.

Purtroppo, sottoporsi alla chemioterapia, se da un lato è indispensabile per intraprendere un percorso di auto-guarigione, dall’altro significa introdurre nel nostro organismo farmaci difficili da smaltire.

Questo è il motivo per cui, dopo che abbiamo terminato un processo di chemioterapia, diventa fondamentale disintossicare l’organismo dalle scorie accumulate.

Seguire un’alimentazione sana e corretta è uno dei rimedi più efficaci per depurare il corpo dalle tossine della chemio.

In questo articolo vi darò alcuni consigli per contrastare alcuni fastidiosi effetti collaterali, assumendo o evitando specifici alimenti.

Come disintossicarsi dalla stitichezza da chemioterapia

Se la chemioterapia, ad esempio, ti ha provocato, tra gli altri effetti collaterali, stitichezza e stipsi, il consiglio che posso darti è quello di assumere cibi integrali, come il pane integrale a lievitazione naturale o il pane integrale con semi di lino, oppure ancora il riso integrale o altri cereali con verdure ricche di fibre.

Come disintossicarsi dalla colite da chemioterapia

Hai sofferto o stai soffrendo di colite?

In questo caso, ti suggerisco di rimuovere dalla tua dieta alimentare i cibi ricchi di fibre, in particolare i prodotti da forno. La ragione è che le fibre, indurite dalla cottura, possono irritare ulteriormente le mucose dell’intestino e peggiorare ulteriormente la gravità del sintomo.

Anche in questo caso i cibi integrali, come il riso, sono da preferire perché contengono sostanze antinfiammatorie naturali, che salvaguardano la mucosa dell’intestino riducendo l’infiammazione. Oltre ai cibi ricchi di fibre, fai attenzione ad introdurre troppa carne e formaggi: nel processo di digestione di questi alimenti, infatti, si libera idrogeno solforato, che esercita un’azione tossica sulla mucosa dell’intestino.

Il pesce, al contrario, è un ottimo alimento, perché il grasso del pesce tende a ridurre l’infiammazione. Esercitano virtù depurative per il sistema digerente anche le creme di legumi: le proteine di questi alimenti sono molto meno tossiche di quelle animali della carne, dal momento che contengono pochi aminoacidi solforati.

Un ottimo effetto detox è quello esercitato dalle lenticchie rosse decorticate.

Anche il latte va evitato, dal momento che i farmaci chemioterapici assunti per lungo tempo tendono a danneggiare l’intestino tenue, inibendo la sua capacità di digerire le proteine del latte.

Come disintossicarsi dalla nausea da chemioterapia

Tra gli effetti collaterali provocati dalla chemioterapia la nausea è certamente uno dei più comuni. Per contrastarla, ti consiglio di assumere cibi salati e asciutti: ad esempio una galletta di riso integrale o qualche mandorla tostata. In generale otterrai un sensibile riduzione della nausea, se ti ricorderai di fare spuntini frequenti, evitando i piatti troppo elaborati o pesanti. Durante i pasti cerca di costruire un ambiente accogliente, in cui mangiare possa tornare ad essere un piacere: ad esempio cura la tavola e il modo in cui disponi i piatti e consuma i pasti ascoltando musica, magari in compagnia.

Sui rimedi naturali cui ricorrere per ridurre e contrastare il disagio provocato da nausea e vomito da chemioterapia, puoi consultare diversi articoli. Ne cito alcuni ad esempio: https://www.cancercoach.it/rimedi-naturali/nausea-vomito-chemioterapia-contrastarli-rimedi-naturali/ e https://www.cancercoach.it/rimedi-naturali/la-menta-un-rimedio-efficace-la-nausea-provocata-dal-cancro/

Come disintossicarsi dalla perdita di peso da chemioterapia

Se hai perso peso a causa delle terapie chemioterapiche una dieta antinfiammatoria, simile a quella da seguire per contrastare la colite, può aiutarti a ridurre questo effetto.

Come disintossicarsi dalla chemioterapia: alcuni consigli in generale

Studi scientifici hanno dimostrato che tenere bassi i livelli di glicemia può aiutare a contrastare la crescita del tumore e prevenire l’insorgere eventuale di nuove patologie. Se desideri approfondire gli effetti dannosi provocati dall’assunzione eccessiva di zucchero e quanto sia importante ridurne la presenza nell’organismo per evitare la crescita del cancro, ti consiglio di leggere questo articolo in cui affronto il tema nel dettaglio: https://www.cancercoach.it/rimedi-naturali/lo-zucchero-killer-silenzioso-aumentare-rischio-tumori/.

Per tenere sotto controllo la glicemia l’ideale è evitare l’assunzione di farine raffinate (di tipo 00 e 0), il pane bianco, i dolci industriali, il riso bianco, la frutta molto ricca di zuccheri naturali.

Naturalmente lo stesso vale per lo zucchero, lo sciroppo di glucosio e il fruttosio. Abituarti gradualmente ad un’alimentazione meno “dolce” ti aiuterà a proteggere la tua salute. Anche l’assunzione di cibi molto ricchi di grassi saturi come carni rosse e latticini contribuisce ad aumentare i livelli glicemici. Cerca quindi di evitarli nella tua alimentazione.

Un consiglio che mi sento di darti è quello di evitare anche i cibi ricchi di poliamine, sostanze indispensabili alla proliferazione cellulare, come agrumi, pomodori, melanzane, peperoni, banane, kiwi, frutti tropicali. Anche il resto della frutta contiene poliamine, ma in quantità minore, e i frutti di bosco non ne contengono che tracce.

Alcuni tipi di chemioterapia e la radioterapia localizzata su testa e collo possono ridurre il flusso di saliva e causare una fastidiosa secchezza della bocca, rendendo difficile la masticazione e la deglutizione. Per avere un po’ di sollievo può essere utile bere spesso e a piccoli sorsi, ma anche succhiare cubetti di ghiaccio e ghiaccioli alla frutta. Evitare inoltre cibi che richiedono una masticazione faticosa e tendono ad impastare la bocca, come crackers e grissini. Se ci sono piccole ulcere della mucosa orale è bene evitare cibi troppo salati, speziati, caldi, secchi e duri, alcol e caffè.

Se anche dopo la conclusione della terapia soffri di vampate di calore, simili a quelle che possono venire in menopausa, prova ad evitare il consumo di tè, caffè o altre bevande contenenti caffeina, ma anche alcool, cibi speziati e fumi.

In questo recente articolo, dedicato al tema delle vitamine e al ruolo che esse rivestono nel disintossicare il corpo dalle tossine della chemioterapia, ho affrontato il tema fornendo alcuni spunti utili da applicare alla vita quotidiana: https://www.cancercoach.it/uncategorized/depurare-sistema-immunitario-dalle-tossine-della-chemioterapia-grazie-alle-vitamine/.

Nell’approfondimento che ho scelto di dedicare alla fatigue, la stanchezza da chemioterapia, troverai invece suggerimenti e consigli per contrastare questo senso di affaticamento fisico ed emotivo che colpisce chi si sottopone alla chemio. Leggilo qui: https://www.cancercoach.it/sos-cancro/la-stanchezza-sembra-non-volersene-andare-cosa-la-chemioterapia/.

Impara a nutrire te stessa, prima che il tuo corpo

Quelle che hai appena letto sono solo indicazioni di massima per depurare il tuo corpo dalle tossine, una volta intrapreso e concluso il percorso terapeutico.

Seguirli ti aiuterà senza dubbio a riportare equilibrio nella tua dieta alimentare.

Ma per tornare a provare quel senso di armonia, benessere ed energia che ti contraddistingueva prima della malattia o che comunque hai sempre desiderato avere ben prima che l’esperienza del cancro cambiasse per esempio la tua vita, è assolutamente indispensabile che tu torni a nutrire te stessa e la tua mente, ancor prima del tuo corpo.

Ora mi spiego meglio.

Mangiare due o tre volte al giorno: un’azione quotidiana quasi automatica. Tutti noi lo facciamo senza nemmeno pensarci.

Ma cosa accade questa azione ricorrente diventa meditata, frutto di uno specifico pensiero? Come cambia il rapporto col cibo quando invece di darlo per scontato, ci metti la testa e l’anima?

Beh, l’approccio è totalmente differente. Puoi capire tu stessa quanto il modo in cui mangiamo ma soprattutto ciò con cui ci nutriamo influisce profondamente sulla qualità della tua vita, sul tuo livello di benessere, sulla leggerezza dei tuoi pensieri e quindi indirettamente anche sulle tue relazioni con gli altri.

Quando sconfiggiamo il cancro, mangiare diventa davvero una delle azioni più importanti per tornare a riappropriarti lentamente della tua vita. Ma pensare a te stessa, alla malattia che hai appena debellato, all’esperienza che hai appena vissuto e che ti porterai dentro per sempre, diventa ancora più importante.

Perché prima ancora di riorganizzare la tua cucina e la tua dispensa, ciò che devi fare è ricostruire una nuova TE, incollando tutti i pezzi andati in frantumi in una nuova immagine più forte e sicura che ti accompagnerà per tutta la vita.

Un passo alla volta. Pezzo dopo pezzo. Scoperta dopo scoperta, cominciando dalla consapevolezza della donna che sei e delle risorse che dentro di te nascondi e che ti rendono la persona che sei. L’esperienza del cancro ha fatto di te una donna nuova: ora è il momento di dare un volto a quella donna e di capire che cosa vuoi fare della tua vita e quale strada vuoi intraprendere per migliorare il tuo benessere e la qualità della tua vita. Perché tu lo meriti. Non dimenticarlo.

L’esperienza e le conoscenze acquisite nel ruolo di cancer coach, al fianco delle donne che, come te, hanno vissuto o stanno vivendo il cancro, mi hanno permesso di sviluppare un percorso di consulenza personalizzato, che aiuti le persone a riappropriarsi della loro vita dopo la diagnosi di cancro o dopo la conclusione di un percorso di guarigione e chemioterapia.

Se desideri saperne di più sul mio percorso di consulenza, clicca QUI.

È arrivato il momento di riprenderti la tua vita nelle mani.

Stai facendo o hai finito le terapie e la malattia ti ha messo a KO? So come aiutarti! CLICCA QUI

 

 

Lascia un commento