Essere felici nonostante il cancro

Pubblicato in Blog, SOS Cancro da Mara4 Comments

So che questo titolo può sembrare una provocazione, ma non lo è. Le parole felicità e cancro per la maggior parte delle persone stridono nella stessa frase. E se invece fosse possibile?

È possibile. Perché sia possibile bisogna innanzitutto accettare che sia possibile! Bisogna permettere alla nostra mente di non sabotare questa possibilità (per capire meglio cosa intendo leggi questo articolo).

pexels-photo-573238

La felicità è fatta di attimi e la felicità è un allenamento! Bisogna allenarsi per far si che gli attimi “felici” siano sempre maggiori rispetto a quelli tristi. Come? Ci sono svariati modi per farlo, e sono proprio gli strumenti che do alle donne che seguono il mio percorso! Perché solo mettendosi in gioco, il cancro e la felicità possono essere due aspetti che vanno a braccetto!

Ecco qualche esercizio di cancer coaching che può aiutarti:

Esercizio 1) LA LINEA DEL TEMPO

Immagina la tua vita come una linea. Prendi un foglio e penne colorate e disegnala. Sotto questa linea disegna una porzione di un altro colore per il periodo in cui andavi a scuola, sotto disegnane un’altra ancora per il periodo in cui eri innamorata di una persona, un’altra porzione per un viaggio che hai fatto… Fai tante righe quante sono le fasi importanti che hai vissuto o stai vivendo nel presente (essere mamma, lavorare, dedicarti a un’hobby, frequentare persone che per te contano…).
Disegna anche una porzione per identificare il periodo della tua esperienza col cancro. Come puoi notare queste porzioni si accavallano. Segna per ciascuna porzione dei momenti belli e momenti brutti che ti vengono in mente: tanti singoli puntini che rappresentano i singoli momenti di ciascuna porzione.
Questo ti permetterà di visualizzare che il cancro si accavalla ad altre fasi della tua vita e che può contenere dei momenti di felicità.

Esercizio 2) GUARDARE FUORI, GUARDARE DENTRO

Vuoi essere felice. Ma cos’è per te la felicità? Cosa ti rende felice? Solitamente siamo convinti che la felicità è un qualcosa che arriva dall’esterno: un lavoro migliore di quello che si ha, un viaggio in un resort di lusso, una macchina nuova…
Il segreto invece è guardarsi dentro anziché guardare fuori!
È la nostra mente che crea “la felicità”: quello che pensi della tua vita, di ciò che sei, di ciò che hai è una “proiezione” della tua mente che letteralmente plasma la tua realtà, la tua verità.
Fai un elenco delle volte in cui ricordi di essere stata felice e perché.
Sono certa che la maggior parte delle cose che hai elencato sono piccole cose che hai già nella tua vita!
Tornare a casa ed essere accolti dal tuo cane che scodinzola, creare qualcosa con le tue mani, rivedere una foto di tanto tempo fa, sentire al telefono la voce di una persona…

Esercizio 3) LA COLLEZIONE DI FELICITÀ

Il coaching è un metodo di “allenamento” delle proprie capacità e potenzialità nascoste, attraverso esercizi che ti permettono di superare i condizionamenti che influenzano negativamente la nostra vita. Con questo esercizio ti allenerai a prestare attenzione alla bellezza delle piccole cose.
Prendi un’agenda e crea il tuo diario della felicità: giorno per giorno raccogli ciò che ti colpisce positivamente e ti regala un piccolo momento di gioia. Può essere una foglia o un fiore da far seccare, un ritaglio di giornale, la carta di un cioccolatino, un aforisma che hai letto da riscrivere nella tua agenda…
Dopo un mese prova a scorrere all’indietro e a gustarti il ricordo di queste piccole gioie quotidiane!

Ok, sei pigra e pensi di non riuscire a tenere un diario? Certo, ti comprendo bene, in quanto non è assolutamente facile fare sempre tutto da soli, ed infatti il mio compito da coach è anche questo, quello di monitorare i tuoi esercizi, i tuoi progressi e soprattutto celebrarli con te. In ogni caso ti invito ad iniziare a fare piccole ma costanti azioni, l’importante è che siano azioni che compi ogni giorno e in maniera consapevole, soffermandoti su ciò che ti ha reso felice anche solo per un momento.

Gli esercizi che ho proposto in questo articolo ti aiuteranno a:
  • evitare di restare prigionieri di pensieri bui e ripetitivi riguardanti la malattia,
  • diventare più ricettiva nei confronti di ciò che ti circonda, riconoscendo anche le cose positive,
  • aprire le porte alla felicità possibile, realistica, del quotidiano rispetto alla felicità idilliaca, illusoria e inarrivabile,
  • aiutarti a riconoscere il tuo stato d’animo non solo strettamente legato alla malattia,
  • imparare a custodire tutto ciò che di bello e positivo entra nella tua vita, grande o piccolo che sia.

Provare per credere!

Se vuoi provare di persona il cancer coaching e capire se può aiutarti, contattami per una chiacchierata gratuita e senza impegno.

Stai facendo o hai finito le terapie e la malattia ti ha messo a KO? So come aiutarti! CLICCA QUI

Comments

  1. Ascari Alesandra

    Grazie!
    Spero di conoscerti a Bologna nello studio del dott.Ferri il 14 dicembre.
    Proverò a fare gli esercizi che hai proposto, mi piace l’idea dell’agenda!

    1. Author
      Mara

      Alessandra grazie mille e prova fin da subito con l’agenda così poi mi darai il tuo feedback…
      Il 14 non sarò da Ivano …sono stata ieri, il 30/11 e tornerò a gennaio, però se vuoi mi puoi sempre chiamare..
      Un caro saluto buona giornata

      1. mariateresa

        cos’è la felicità?? E’ essere vivi io devo ancora finire la chemio poi a gennaio l’intervento ma nonostante i fastidi che la chemio dà sono felice delle piccole cose e dell’amore dei miei cari

        1. Author
          Mara

          Grazie Maria Teresa per il tuo pensiero!
          Proprio così essere felici delle piccole cose…
          Buon viaggio e buona giornata

Lascia un commento