CONSUMARE LA FRUTTA SECCA PER IL TUO BENESSERE: NOCI E ARACHIDI PROTEGGONO LA NOSTRA SALUTE E RIDUCONO IL RISCHIO DI RECIDIVE DI CANCRO.

Pubblicato in Rimedi naturali da Mara2 Comments

noci cancroNumerosi studi scientifici condotti nel corso degli anni hanno confermato che consumare noci e frutta secca è un toccasana per la salute e un’arma contro il cancro. Mangiare almeno 20 grammi di noci al giorno, una manciata di frutti, è una buona e salutare abitudine, che preserva il nostro organismo dal rischio di malattie cardiache, cancro e altre gravi patologie.

Oltre a questo, secondo gli studi scientifici, chi è stato curato per un tumore al colon dovrebbe aggiungere le noci alla sua dieta quotidiana perché il consumo regolare di noci dimezza il rischio di andare incontro ad una recidiva.

Il segreto è l’alto valore nutrizionale della frutta secca, ricca di fibre, magnesio, grassi polinsaturi, antiossidanti, componenti nutritive che combattono lo stress ossidativo e riducono il cancro.  Noci, mandorle, nocciole, noci pecan, pistacchi, anacardi, inoltre, assunte quotidianamente, aumentano i livelli di serotonina. Questo ormone è associato alla felicità e al piacere. Le persone che soffrono di depressione, frequente durante la malattia, presentano bassi livelli di serotonina. Per questo motivo, mangiare noci aiuta a combattere la tristezza e aiuta a ritrovare il buonumore.

Se mi conosci un po’, sai anche che le cose che consiglio o i prodotti che ti segnalo, sono tutti provati in prima persona da me, quindi è proprio per questo che posso permettermi di suggerirti qualcosa che veramente può darti un aiuto ed essere parte integrante del tuo benessere.

Vuoi ricevere altri consigli per curare il cancro con l’alimentazione? CONTATTAMI.

Fonte: Larepubblica.it

Stai facendo o hai finito le terapie e la malattia ti ha messo a KO? So come aiutarti! CLICCA QUI

Comments

  1. zucca Antonietta

    Io che ho problemi di allergia? I semi di lino girasole sesamo zucca ..vanno bene ugualmente? Grazie

    1. Author
      Mara

      In piccole dosi certo! È sempre la dose che fa la differenza, ovvero quante volte nella stessa giornata si assume lo stesso alimento.
      Saluti grazie

Lascia un commento