L’insicurezza delle donne

Pubblicato in Crescita Personale da MaraLascia un commento

A volte penso che l’insicurezza sia una di quelle caratteristiche che hanno messo nel biberon delle femmine fin dalla nascita. Delle femmine più che dei maschi, perché biologicamente siamo proprio diversi!

È una di quelle caratteristiche che insieme al senso di colpa sono scritte nel DNA e che per quanto una possa cercare di migliorare, modificare e riformulare, ogni tanto risaltano fuori facendo capolino e mettendoti quel tarlo nella testa che ti dice: ma sei sicura?

woman-girl-sitting-ok

Sei sicura di ciò che stai facendo?
Sei sicura di essere una buona moglie, una buona partner?
Sei sicura di essere una brava madre?
Sei sicura di aver fatto la scelta giusta nel lavoro?
Sei sicura di essere una buona amica?

 

Insomma una serie di incertezze che ti fanno fare un passo avanti e due indietro!

E tu sei lì che, nonostante tutto vai avanti, nonostante le paure cerchi di dare il meglio e nonostante il tuo dialogo interiore ascolti la forza del tuo cuore.

Ma c’è il giorno in cui crolli, dove proprio non ce la fai e dove il tuo corpo ti sta dicendo che hai tirato troppo la corda. C’è il giorno dove piangi e urli dentro perché fuori non riesci e avresti bisogno di qualcuno che ti abbraccia e ti dice: sei una grande, sei speciale, sei davvero una bella persona!

Perché è vero che dobbiamo imparare tutti a darci valore per noi stessi, ma in fondo il BISOGNO primordiale di ognuno è quello di essere accettati e amati per ciò che siamo e non per ciò che facciamo!

Ecco io questo bisogno l’ho avuto per tanto tempo, per troppo, perché vengo da una madre che di affetto e contatto fisico non ne ha avuto e quindi non lo ha dato e vengo da una educazione dove era SCONTATO che dovessi essere una brava moglie, amante, madre e amica!
Ma questo è un vuoto che ti logora, che ti scava dentro e che per tanto tempo di fa sentire inadatta, insicura e impaurita.

Si, impaurita di essere troppo o troppo poco …e quindi come la metti, la metti male!

E allora, alle soglie del terzo millennio, diciamocelo che NULLA È SCONTATO, perché non sta scritto da nessuna parte che dobbiamo essere come gli altri ci vogliono, non dobbiamo essere le donne perfette, quando la perfezione non esiste e non dobbiamo fare ciò che dicono ma ciò che SENTIAMO, perché la sofferenza del corpo e dell’anima è un PREZZO TROPPO ALTO da pagare per piacere agli altri!!!

Stai facendo o hai finito le terapie e la malattia ti ha messo a KO? So come aiutarti! CLICCA QUI

Lascia un commento