• Il cancro al seno è la forma tumore più comune nelle donne e il secondo tumore più frequente. Nel 2018 sono stati registrati più di 2 milioni di nuovi casi e in Italia solo nel 2019 si sono contati 53.500 nuove diagnosi di tumore alla mammella. Nonostante questi numeri siano preoccupanti, la buona notizia è che grazie alla ricerca continua, il cancro al seno ha alte percentuali di guarigione. Sono ben 3 milioni e mezzo gli italiani che sopravvissuti a questa terribile diagnosi, il 5,3% della popolazione nel Bel Paese. Cerchiamo di capire in modo approfondito cos’è il cancro al seno, quali sono i sintomi e come prevenirlo con le misure di autopalpazione e di osservazione.

    Che cos’è il cancro al seno?

Il cancro al seno è la crescita fuori controllo di alcune cellule del seno a causa di mutazioni di geni. I geni che controllano la crescita e lo sviluppo delle cellule subiscono un’anomalia che gli impedisce di gestire il controllo della cellula dal nucleo. La cellula modificata comincia a riprodursi in modo incontrollato dando vita ad un tumore che può essere benigno o maligno. In particolare il cancro al seno prende solitamente avvio dalle cellule dei lobuli, ovvero dalle ghiandole del latte, oppure dai passaggi che da questi lobuli giungono al capezzolo.

Come prevenire il cancro al seno?

Le misure di prevenzione del cancro al seno includono una corretta alimentazione e dei corretti stili di vita. Per prevenire il cancro al seno è necessario mangiare cibi che contrastano le forme tumorali . Ovvero cibi ricchi di antiossidanti, che contrastano la formazione di radicali liberi. I radicali liberi quando sono in eccesso possono infatti danneggiare il DNA delle cellule e quindi avviare la formazione di tumori. Tra i cibi ricchi di antiossidanti troviamo:

  • Cereali integrali
  • Legumi
  • Un buon equilibrio di frutta e verdura al giorno
  • Olio extravergine d’oliva
  • Pesce, ricco di omega-3: EPA e DHA , in sostituzione delle carni rosseAltro elemento essenziale per la prevenzione al cancro al seno è l’attività fisica. La sedentarietà è il nemico numero uno della nostra salute: il National Cancer Institute statunitense ha dichiarato sul JAMA Internal Medicine che l’attività fisica abbatte il rischio di 13 diversi tipi di tumore, fra cui il carcinoma alla mammella.Esiste infine un esame specifico per individuare la presenza del carcinoma al seno: la mammografia. Prevista e predisposta in Italia per le donne fra i 50 e i 60 anni ogni 2 anni.

    Come riconoscere i sintomi del cancro al seno?

    Il cancro al seno non presenta sintomi evidenti come il dolore, perciò è necessario porre attenzione al proprio corpo. I sintomi del cancro al seno  maggiormente noti sono i noduli, scopribili tramite l’autopalpazione. Con questo procedimento potrete individuare sul vostro seno la presenza o meno di noduli duri

  1. Posti in piedi sollevate il braccio destro e ponetelo dietro il capo.
  2. Con la mano sinistra a palmo aperto accostatevi al seno e svolgete movimenti circolari lungo la parete esterna effettuando una leggera pressione.
  3. Spostatevi nella zona ascellare e nella zona dello sterno proseguendo con movimenti circolari.
  4. Ripetete l’azione con il seno sinistro.

Ripetete l’azione supini.

Oltre a questa procedura è fondamentale controllare lo stato della propria pelle, talvolta il tumore al seno presenta degli eczemi simili alla dermatite.

Come curare il cancro al seno?

L‘87% delle donne vince la sua battaglia contro il cancro al seno, perciò primariamente non perdere la tua forza e la tua energia. Per curare il cancro al seno è necessario rivolgersi a medici esperti, ovvero gli oncologi. Questo nome non deve farti paura, perché sono moltissime le vite salvate grazie al loro intervento. Le soluzioni per la cura del cancro al seno sono l’intervento chirurgico e la radioterapia, calibrate e valutate dagli esperti a seconda dei casi. In questo periodo potrebbe servirti un sostegno concreto per la gestione delle tue emozioni, delle tue paure e della tua vita, per questo mi troverai sempre qui per te.

Stai facendo o hai finito le terapie e la malattia ti ha messo a KO? So come aiutarti! CLICCA QUI