Il cancro sgretola la tua autostima: l’impatto del tumore sulla vita delle donne

Pubblicato in SOS Cancro da MaraLascia un commento

cancro-sgretola-autostima-impatto-tumore-donne

In un precedente articolo abbiamo parlato di quanto sia importante continuare a sentirsi donne anche quando la diagnosi di cancro lede pericolosamente la tua autostima e il tuo desiderio di combattere la malattia.

Questo accade perché la condizione stessa di chi è affetto dal tumore si trova finisce per condizionare l’auto-percezione che ciascuno di noi ha di sé stesso e delle proprie capacità. Gli occhi con cui il cancro ci porta a guardarci allo specchio non sono più in grado di restituire un’immagine “fedele” e realistica di ciò che siamo. E qual è il rischio? Ciò che finisce per accadere è che il cancro cambia per sempre il nostro modo di vedere noi stessi, alterando così anche la percezione che gli altri hanno di noi.

Quando la donna riceve una diagnosi di cancro, la sua autostima subisce una forte pressione e se la sua autostima è bassa e debole e, dunque, già compromessa, è impossibile per lei riuscire ad utilizzare in maniera efficace tutte le risorse che nasconde dentro di sé. Ecco perché è proprio in questa fase che ricevere aiuto e supporto diventa ancora più importante e fondamentale: l’obiettivo del percorso di consapevolezza, che affrontano tutte le donne che a me si rivolgono, è sin dall’inizio quello di portare l’autostima a livelli più alti, aiutando la persona a ricostruire la propria identità personale e a tracciare la rotta giusta verso la guarigione e la rinascita. Se desideri saperne di più e leggere le testimonianze di chi ha già intrapreso con me questo viaggio importante nelle emozioni, clicca qui.

Perché è così importante mantenere alti i livelli della propria autostima?

Avere e mantenere un certo controllo su sé stessi e sull’ambiente che ci circonda è indispensabile perché imparando a gestire le nostre emozioni e il nostro essere donne, anche durante il percorso di guarigione, siamo in grado di preservare inalterata la percezione che abbiamo di noi stessi e delle nostre risorse. Questo “autocontrollo” è la chiave per affrontare la malattia nel modo giusto, senza lasciarsi sopraffare da essa e dalla spirale di paure e timori che essa porta con sé.

Quando riceviamo la diagnosi di cancro, infatti, l’immagine che abbiamo di noi stessi è fortemente negativa: ci sentiamo vittime di una malattia silenziosa e ineluttabile che, per quanto ci disperiamo e piangiamo, ci sta sottraendo la vita e la voglia di combattere.

La conseguenza è il crollo della nostra autostima. Cadiamo in balia della paura di perdere quello per cui fino a quel momento abbiamo lottato, ciò che abbiamo con fatica costruito: i nostri affetti, il lavoro, la famiglia, le certezze e i punti di riferimento. A questa trasformazione emotiva si aggiunge quella che il corpo affetto dal cancro subisce: quando ci sottoponiamo ad interventi chirurgici e alle terapie antitumorali, il nostro fisico cambia, così come cambia il modo in cui pensiamo che gli altri ci vedano. Anche i nostri pensieri finiscono per diventare “neri” e per esprimere angoscia e turbamento, perché la paura della morte è qualcosa di ancestrale e atavico: essa appartiene alla natura stessa dell’essere umano e ne investe il subconscio più intimo e segreto.

Quello che la diagnosi di cancro genera è un cambiamento così profondo e radicale che è davvero impossibile da affrontare da soli, senza il supporto mentale ed emotivo necessario.

Se anche tu hai appena ricevuto una diagnosi di cancro e stai affrontando le terapie antitumorali, è arrivato il momento di non sentirsi più sole e di riprendersi in mano la propria vita, perché il cancro non è la fine dell’esistenza, ma l’inizio di un nuovo percorso di crescita personale che ti porterà a diventare una donna, una madre, una moglie, una figlia migliore!

Clicca qui e richiedi la tua prima consulenza gratuita!  

Stai facendo o hai finito le terapie e la malattia ti ha messo a KO? So come aiutarti! CLICCA QUI

Lascia un commento