IOxVOI: condividere la propria esperienza guidati da una Cancer Coach

Pubblicato in Blog, SOS Cancro da MaraLascia un commento

img-community-IOxVO_A
Qualcosa bolle in pentola… e non sono riuscita a trattenermi!
Voglio darti un’anticipazione sul mio prossimo progetto di cancer coaching!

Per me, il valore della condivisione e il rapporto di fiducia che si instaura fra persone con lo stesso vissuto, sono la cosa più importante e sono le basi che fanno la differenza per il raggiungimento di un obiettivo, quindi per questo sto lavorando alla creazione della prima community privata guidata dalla cancer coach, cioè da me ;-), che si chiamerà IOxVOI.

L’idea nasce dall’aver constatato che molte delle persone che mi seguono online, hanno la necessità di iniziare un percorso di cancer coaching vero e proprio, e sentono forte il bisogno di esprimersi e raccontare quello che stanno vivendo o hanno vissuto, condividendolo con chi come loro ha incontrato il cancro nella propria vita.
Mi sono chiesta, cosa posso fare per loro?
Come posso rendermi più disponibile come cancer coach?
Come posso abbattere le barriere della distanza ed essere utile a più persone possibili?

Da diversi decenni il fenomeno dei gruppi di auto-aiuto sta riscontrando successo in molti ambiti. Si tratta di gruppi nati spontaneamente dall’aggregazione di persone che vivono la stessa situazione e lo stesso problema e si incontrano con regolarità per condividere la propria esperienza e dar vita ad un confronto reciproco.
Un’ottimo punto di partenza.

Ma si può fare ancora meglio!
Se gli incontri di gruppo sono guidati da un professionista, gli spunti che emergono vengono canalizzati e resi più diretti e quindi più efficaci.
Conosco diversi gruppi di persone che condividono la propria esperienza e in questo modo, sicuramente si riesce a “buttare fuori” e ci si confronta, però si rischia di limitarsi a meccanismi di rispecchiamento e quindi risultare a volte un po’ sterile. Senza tener conto, che a volte il pensiero negativo di uno del gruppo, se non compreso, può influire e condizionare i pensieri e gli stati d’animo degli altri.

Mentre con la guida di un coach i vantaggi sono:

1) i dubbi e le domande che emergono dal confronto del gruppo avranno le loro risposte chiare e dettagliate, capirai il perché delle tue emozioni e dei tuoi pensieri, riuscendo a cambiare atteggiamento quando serve.
2) esprimendo le tue ansie e paure, con la mia guida, scoprirai da dove arrivano e soprattutto come vincerle.
3) le tecniche che ho appreso durante la mia formazione, ti permetteranno di passare subito ad un atteggiamento pro-attivo, con il vantaggio immediato di diventare parte integrante del tuo percorso di guarigione. Perché come disse Costantin Hering, medico tedesco del 1800: “ogni guarigione comincia dall’interno e procede verso l’esterno ed il primo passo verso di essa, non è altro che decidere di fare qualcosa per sé stessi.”
4) l’ascolto e le domande specifiche e personalizzate che ti verranno fatte, ti metteranno in gioco e quindi il vantaggio più grande che potrai trarre dalla community IOxVOI è, una condivisione positiva e costruttiva, seguita da un azione specifica, guidata e supervisionata da me!

Sono entusiasta di come stanno andando le sessioni con un ristretto gruppo di donne volontarie che hanno deciso di partecipare ed essere le prime a provare questa nuova metodologia.
Per rendere il tutto semplice e accessibile a tutti, ho deciso di utilizzare Facebook come piattaforma di base, quindi se ancora non hai iniziato a seguirmi fallo subito perché presto arriveranno aggiornamenti su modalità di partecipazione e possibilità di effettuare la pre-iscrizione.

Perché credo molto nel cancer coaching di gruppo?

Nel gruppo ogni partecipante porta tanto i propri punti di forza, che diventano così risorse per il gruppo stesso, quanto i propri peculiari punti di debolezza, che serviranno da termine di confronto per gli altri. Da questo la cancer coach sa trarre stimoli utili per tutti, valutando il vissuto di ogni persona, la propria sensibilità e valorizzando le diversità personali.

Una curiosità!
La nascita degli incontri di gruppo come vero e proprio strumento terapeutico nasce dopo la II Guerra Mondiale, verosimilmente anche per esigenze pratiche ed economiche, in questo modo il costo si divideva tra i partecipanti e quindi permetteva a più persone di accedere a un servizio che in quel momento era fondamentale per la loro salute.
È un concetto che mi piace e che vale anche per il mio gruppo IOxVOI, se da sola non puoi permetterti un percorso di cancer coaching, questa può essere un’ottima alternativa per avere il mio sostegno e iniziare a trarre beneficio dai fondamenti del cancer coaching.

Se vuoi saperne di più contattami su Facebook o scrivimi a cancercoachmara@gmail.com

Stai facendo o hai finito le terapie e la malattia ti ha messo a KO? So come aiutarti! CLICCA QUI

Lascia un commento