Cancro al seno e malattia: “Io non sono il mio seno”

Pubblicato in Blog, SOS Cancro da Mara7 Comments

Ti guardi allo specchio e completamente nuda, ciò che vedi è solo quella cicatrice. Quel taglio, che sulla pelle liscia, è inevitabilmente in risalto. Ti metti la crema, e la spargi ovunque, tranne che su quella parte. È una parte troppo fragile, troppo delicata per essere accarezzata e appoggiare le dita sopra vorrebbe dire risentire il dolore dell’intervento. Sentire la sofferenza e le lacrime che sono scese, quando nella tua camera dell’ospedale i dottori hanno tolto il cerotto e hanno medicato la ferita. È una ferita ancora troppo viva per te e non riesci a sostenerla…

Ti guardi allo specchio e completamente nuda, ciò che vedi è solo l’imperfezione di un corpo che non è più come prima. Vedi quel taglio, vedi il segno di una malattia, che ha modificato e ha stravolto la tua vita, mettendoti paura e ansia per ciò che è successo e che in futuro potrebbe succedere. Vedi la sofferenza di quel corpo, che ti ha fatto stare male, ed ora che il male fisico è passato, rimane tutto il male psicologico, tutto il male che la tua mente ti fa nell’avere pensieri negativi…

Ti guardi allo specchio e completamente nuda, ciò che vedi è solo l’immagine di una donna che ha paura di essere guardata, di essere accarezzata e di essere abbracciata. Vedi l’immagine di una donna e il terrore a farsi vedere nuda da altri, perché in realtà ha paura di guardarsi nuda per se stessa.

Tutto questo ero io e forse lo sei stata o lo sei anche tu!

flower-1390664_or

A volte, troppo spesso, ci dimentichiamo che noi non siamo il nostro seno, noi non siamo quella cicatrice, noi non siamo solo quel corpo! È vero, la cicatrice ci ricorda ciò che è stato e ciò che è stato, inevitabilmente non lo si può dimenticare.

Ma nella vita, abbiamo due scelte, da fare ogni giorno:

1) Continuare a rimuginare sul passato e alimentare sentimenti e stati d’animo negativi,

OPPURE

2) Andare avanti con gli occhi che osservano il presente e sognano il futuro, pensando sempre che qualcosa di buono arriverà.

Quindi DECIDIAMO quale stato d’animo associare a quell’immagine che vediamo ogni mattina allo specchio.

Decidiamo di sorridere.

Decidiamo di dirci che è stata dura, ma che in fin dei conti, il peggio è passato.

Decidiamo di apprezzare il nostro corpo così com’è, e decidiamo di essere delle donne affascinanti e attraenti, nude o vestite che sia, perché la VERITÀ è che la fortuna più grande è ESSERCI davanti allo specchio e non c’è nessuna cicatrice, piccola o grande che sia, che non possa essere rimarginata con la bellezza della VITA CHE CONTINUA!

Stai facendo o hai finito le terapie e la malattia ti ha messo a KO? So come aiutarti! CLICCA QUI

Comments

  1. Paola Di Giambattista

    L’esperienza modifica il corpo, ma anche l’Anima, la crisi può e deve essere un’opportunità, basta cambiare la prospettiva, abbandonare la zona di confort e scegliere di VIVERE

  2. daniela

    Verissimo è sempre dura …. ma devo dire che mi è cambiata la prospettiva della vita …in meglio perchè ho scelto di vivere facendo sempre tutto ciò che mi piace ,imparando a dire qualche no.

    1. Author
      Mara

      Grazie Daniela per il tuo commento!
      Condivido con te, iniziare ad essere assertivi significa dedicare più energia e tempo a noi stessi e a tutto ciò che ci fa piacere fare!
      Grazie mille, buona vita

  3. Gio

    Ciao io non ho una cicatrice al posto del seno ma sotto, ho perso il polmone sinistro (non fumatrice) e quando mi guardo allo specchio dopo tutte le sofferenze e le paure che ancora mi assalgono sono felice di essere qui, mi godo tutte le cose sopratutto quelle più scontate quelle banali che alla fine sono il sale della vita.

    1. Author
      Mara

      Grazie infinite per la tua testimonianza.
      Godersi le cose piccole della vita ci dà la possibilità di comprendere il dono grande della stessa.
      Quindi continua così, perché in realtà le cicatrici non sono altro che il segno che tutto è passato e noi siamo ancora vivi e forti più di prima. Un abbraccio, grazie

  4. Maria giuditta massetti

    È un anno che lotto con questo ospite nn gradito due interventi e chemio e ancora chemio a volte è dura andare avanti ma poi c’è sempre qualcosa o qualcuno come te che mi da il coraggio e la aiuto che in quel momento mi serviva è vero l importante è esserci e amare chi ci circonda e soprattutto vedere il sole sorgere e poi tramontare ogni giorno grazie

    1. Author
      Mara

      Grazie mille a te Maria Giuditta, forza e coraggio sempre e se hai bisogno sai dove trovarmi!
      Un abbraccio
      Buona vita 🍀

Lascia un commento