E’ davvero possibile prevenire un tumore al seno o alla mammella con un test?

Pubblicato in SOS Cancro da MaraLascia un commento

tumore-al-seno-2

In questo articolo vedremo in che modo GenoTest®, il rivoluzionario test genomico che analizza e studia il DNA della persona, individua possibili alterazioni del patrimonio genetico e predisposizioni al rischio di patologie gravi, come il tumore alla mammella e alle ovaie.

I dati statistici non mentono: 1 donna su 8, in media, in Italia è colpita da tumore al seno.

Il rischio di contrarre la malattia aumenta in modo considerevole, se nel DNA della donna c’è una mutazione genetica o una predisposizione familiare al tumore.

Quali sono i fattori di rischio del tumore alla mammella e alle ovaie?

Uno dei fattori che rende la donna più sensibile a contrarre il tumore al seno è l’età.

In base alle indagini condotte in campo medico e scientifico oltre il 75% delle donne colpite dal cancro al seno ha un’età al di sopra dei 50 anni.

Un altro fattore che rappresenta un rischio per la donna è la familiarità, ovvero la presenza, all’interno della famiglia, di donne colpite da questo tumore. E’ stato ampiamente dimostrato che il 5-10% delle donne che sviluppano un tumore alla mammella ha più di un familiare stretto colpito dal medesimo tumore, soprattutto nei casi giovanili.

Il terzo fattore di rischio è la genetica: il 50% circa delle forme ereditarie di cancro del seno e dell’ovaio è provocata dall’alterazione dei geni BRCA1 e BRCA2, rilevabili dal test genetico GenoTest®, di cui vi ho già ampiamente spiegato funzioni e modalità nei precedenti articoli.

Oltre a questi fattori, anche gli ormoni femminili, gli estrogeni, rappresentano un elemento di rischio malattia per la donna. Si tratta di sostanze presenti per natura nel nostro organismo. Tuttavia si dice che una loro eccessiva produzione possa favorire la comparsa del cancro al seno. Gli estrogeni possono essere assunti sotto forma di farmaci e quindi volontariamente, ad esempio quando ci sottoponiamo a cure ormonali o cure legate alla fertilità. Oppure possiamo assumerli in maniera non volontaria, quando ingeriamo cibi che contengono agenti contaminanti o quando respiriamo agenti inquinanti presenti nell’ambiente.

Il quinto fattore è quello costituito dalle anomalie al seno. I seni che alle prime mammografie rivelano un tessuto molto denso o addirittura una forma benigna di crescita cellulare chiamata tecnicamente “iperplasia del seno” devono essere tenuti sotto stretta sorveglianza. Non sono rilevabili ai fini del rischio di tumore al seno le alterazioni come le cisti e i fibroadenomi.

Il sesto ed ultimo fattore di rischio è rappresentato dagli stili di vita. Le donne che fumano oppure sono colpite da obesità possono contrarre il tumore al seno più facilmente rispetto a donne che conducono uno stile di vita sano, praticano regolarmente attività fisica e non fumano.

Se leggendo una di queste condizioni, hai individuato uno o più fattori che rientrano tra quelle a rischio cancro al seno, ti consiglio di sottoporti ad un test genetico GenoTest®.

Conoscere la propria predisposizione ti permette, sotto la supervisione di un oncologo, di adeguare il proprio stile di vita, stilare piani di prevenzione personalizzati e soprattutto giungere ad una diagnosi precoce.

Quanto conta la diagnosi precoce e tempestiva?

La risposta è TANTISSIMO e oggi sempre di più!

Le ricerche e gli studi condotti hanno dimostrato che oltre il 90% delle donne a cui il cancro al seno è stato diagnosticato per tempo, ovvero in fase iniziale, guarisce dalla malattia.

Grazie al GenoTest® puoi scoprire se sei portatrice di mutazioni genetiche che aumentano il rischio e, quindi, intervenire preventivamente per attuare un piano di intervento personalizzato efficace nel ridurre al minimo qualunque possibilità di contrarre la malattia.

Perchè sottoporsi al test GenoTest® è la scelta più giusta per la tua salute?

Acquistando GenoTest®, avrai compresa nel prezzo la consulenza gratuita. Un oncologo ti consegnerà il report con i risultati del test. E’ fondamentale, per la buona riuscita del test stesso e l’attuazione del percorso di intervento personalizzato, che il report venga letto ed interpretato da un medico specialista. Grazie alla sua presenza, potrai comprendere la reale portata delle informazioni che ricevi e sfruttare a tua vantaggio queste informazioni.

Se desideri saperne di più sul GenoTest® e senti il bisogno di farmi domande specifiche su questa rivoluzione della genomica, contattami subito scrivendo a cancercoachmara@gmail.com

Se, invece, desideri acquistare direttamente online il test e richiedere l’intervento di un medico specializzato, visita il sito https://mygenomics.eu/collections/genotest-medicina-preventiva.

 

Stai facendo o hai finito le terapie e la malattia ti ha messo a KO? So come aiutarti! CLICCA QUI

Lascia un commento