Il coaching oncologico e il triangolo della salute

Pubblicato in Blog, SOS Cancro da MaraLascia un commento

Hai mai sentito parlare del triangolo della salute? Il triangolo della salute è un riferimento teorico che invita a considerare le 3 aree fondamentali per il benessere della persona e che è molto importante nell’ambito del coaching oncologico di cui io mi occupo.

Quali sono 3 aree fondamentali per il benessere?

1. la parte mentale ed emotiva:

saper esprimere gli stati d’animo in maniera adeguata, imparare dagli errori e cercare di migliorarsi, accettare ciò che accade indipendentemente dal nostro volere, essere in contatto con la nostra parte interiore

2. la parte sociale e relazionale:

saper comunicare con gli altri, non avere a cuore solo noi stessi, dare e ricevere, coltivare e costruire relazioni solide, non essere indifferenti agli altri

3. Ia parte fisica:

mangiare in modo sano, fare movimento, mantenere il peso forma, prendersi cura del proprio corpo, riposare bene, evitare sostanze nocive o tossiche

 

Possiamo dire che una persona sta bene quando queste 3 parti sono in equilibrio, poiché sono correlate l’una all’altra, e se si ha una difficoltà in una di queste, anche le altre due ne risentiranno di riflesso. Anche in ambito medico è ormai largamente condivisa l’idea che stati d’animo ed emozioni abbiano un’influenza sul piano fisico e viceversa. Chi si occupa della cura di una qualsiasi patologia non può ignorare il legame esistente tra i tre lati del triangolo della salute. Comprendere il disagio generato da una malattia o da uno stato di sofferenza è altrettanto importante che la cura fisica per poter ottenere una guarigione duratura, ritrovare equilibrio e una buona qualità di vita. Affrontare il cancro è uno di quei momenti della vita in cui tutto appare difficile o privo di senso. Ti destabilizza non solo sul piano fisico, ma anche su quello mentale e relazionale.

Cosa puoi fare per ristabilire l’equilibrio nel tuo triangolo della salute?

Se ci pensi bene, forse hai già vissuto altri momenti molto difficili nella tua vita, momenti in cui volevi mollare tutto, in cui non vedevi una via d’uscita, in cui ti sentivi persa o incapace di far fronte a qualcosa più grande di te. Un divorzio, la perdita del lavoro, la fine di una storia importante, problemi economici o familiari… sono tutte cose “che capitano” nella vita di una persona, ma che non siamo preparati ad affrontare. Sono quelle situazioni nuove che rompono la nostra quotidianità e fanno crollare tutte le nostre certezze. Te ne viene in mente qualcuna del tuo passato? Ricordi come ti sentivi? Oggi la vita ti ha messo di nuovo alla prova: superare il trauma di una diagnosi di cancro. Ancora una volta ti trovi a dover navigare a vista, senza sapere da che parte andare e sballottata da una parte all’altra in una tempesta di emozioni e paure.

Un aiuto per trovare la tua direzione

matt-hardy-ondeCome dicevano i vecchi marinai, nessun vento è buono se la barca non sa dove andare. Il primo passo da fare è quello di stabilire i tuoi obiettivi futuri e munirti di una buona bussola: il coaching oncologico. Applicando i metodi del coaching aiuto le persone che seguo a ristabilire l’equilibrio e trovare la nuova direzione verso il ben-essere. Insieme definiamo gli obiettivi relativamente alla propria vita durante e dopo la malattia, insieme decidiamo la destinazione! Possono essere obiettivi anche a breve termine, piccoli o grandi, ma saranno sicuramente ciò che veramente vuoi, ciò che desideri dentro e forse ancora non sai. L’affiancamento con il coach serve a sostenerti e individuare i passi del tuo cambiamento intenzionale e desiderato. Se prima vivevi la tua vita in modo sereno ma inconsapevole, ora imparerai a ridefinire ciò che sei e a vivere ogni giorno della tua vita futura con consapevolezza. Niente sarà più vano, tutto sarà prezioso e avrà un senso. Un riscatto non da poco per chi si sente diagnosticare un cancro e perde ogni speranza! Anche un bravo marinaio, durante la tempesta, è in difficoltà. Qui non è in discussione come hai condotto la tua vita fino ad ora, ma la tua capacità di affrontare al meglio questo momento particolare della vita in cui sei sprovvista della capacità di agire in modo efficace. Il marinaio si affida agli strumenti di bordo, che lo aiutano a valutare in modo oggettivo la situazione e gli danno informazioni che da solo non saprebbe. Tu ti puoi affidare a qualcuno che ti aiuti a “vedere” chiaramente le paure e le convinzioni limitanti che ti hanno portato nella direzione sbagliata e stanno ostacolando la tua vita.

INFO-triangolo-salute

Stai facendo o hai finito le terapie e la malattia ti ha messo a KO? So come aiutarti! CLICCA QUI

 

Lascia un commento