COME AFFRONTARE MEGLIO GLI EFFETTI COLLATERALI DELLE TERAPIE CONTRO IL CANCRO CON L’ALIMENTAZIONE

Pubblicato in Rimedi naturali da Mara2 Comments

Effetti collaterali cancroGli effetti collaterali del cancro sono fonte di grande disagio e dolore per le donne alle quali viene diagnosticato il tumore. Stanchezza e senso di affaticamento, nausea e vomito, anemia, infezioni, stitichezza, caduta dei capelli, diarrea. La prima buona notizia che voglio darti è che questi effetti sono temporanei.

La seconda buona notizia è che una corretta e sana alimentazione può aiutarti a contrastarli. Introduci cibi integrali, come pane, riso o cereali. Evita cibi ricchi di latticini, latte, carne ed opta invece per il pesce e creme di legumi. Contro la nausea, scegli cibi salati e asciutti. In generale mangia poco e spesso, eliminando dalla dieta piatti troppo elaborati, caldi e piccanti.

E per ultimo ma non per importanza, cerca di portare attenzione al momento in cui nutri il tuo corpo, nel come e con chi, vivendo al meglio le tue emozioni che sono collegate al senso del gusto. Goditi questo spazio e se ti rilassa, metti della musica che ti piace per vivere al meglio questo momento di nutrizione.

Se vuoi ricevere maggiori consigli sul tema “effetti collaterali cancro”, contattami subito: sarò felice di aiutarti ad affrontare i sintomi causati dalle terapie e a vivere meglio la tua quotidianità.

Fonte: Airc – Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro

Comments

  1. Valentina

    Signora Mara Mussoni,io combatto dal 2015 con carcinoma alla mammella,ora sto facendo tdm1(il mio tumore è her2 positivo) stiamo cercando di ridurre varie metastasi,ne ho al fegato,nei polmoni e nell’encefalo(trattate con cyberknife ad aprile di questo anno) devo dimagrire,sono molto in sovrappeso e seguire un’alimentazione corretta delle volte è difficile,soprattutto quando fai cortisone,per le metastasi all’encefalo ho preso soldesan per un mese e mezzo due volte al giorno,non le dico come mi ha ridotto. Mi piacerebbe che negli ospedali oncologici ci fosse più attenzione su questo punto,ma in realtà si fa poco,molto poco. Il mio oncologo mi ha detto….si faccia seguire da una nutrizionista…..ha fatto la scoperta dell’acqua calda,trovare qualcuno così preparato non è facile,(almeno da me vivo in Sardegna) che sappia le difficoltà legate alle terapie….dolori muscolari,ossei,tendinei….andare a fare una passeggiata delle volte è un’impresa ciclopica. Seguire un regime alimentare ancora di più,sono sfiancata dalle terapie,ma molto di più dalla incapacità di seguire una corretta alimentazione e dalla difficoltà di perdere peso…..tra il dire e il fare c’è di mezzo…un mare di difficoltà. Grazie per l’attenzione

    1. Author
      Mara

      Cara Valentina, capisco la difficoltà e a mio parere oltre ad una nutrizionista che potrebbe dare indicazioni precise sugli alimenti da prendere, serve un professionista che l’aiuta a creare abitudini diverse e ad abbassare le resistenze create dalla mente.
      Il cibo è emozione e non si può avere una nutrizione giusta se non prima di aver lavorato sul l’atteggiamento mentale ed emozionale della persona.
      Io faccio proprio questo, quindi se ritiene che le possa essere utile, mi può chiamare per un primo consulto gratuito.
      Nel frattempo le auguro il meglio.
      Buona giornata

Lascia un commento