Dal cancro… si può guarire!

Pubblicato in Blog, Recensioni Libri da Mara8 Comments

Lèon Renard, in questo suo libro, ci dice che:

“per guarire bisogna innanzitutto imparare ad amare l’organo o la parte del corpo che consideriamo un nemico, il nostro corpo soffre perchè ci ama!”

Non facile questa parte della lezione…assolutamente No, anzi è stato difficilissimo!! Lascia che ti racconti come ci sono riuscita.

_MG_9795Sono sempre stata una ragazza e poi una donna, che ci teneva all’aspetto fisico, che ci ha sempre tenuto, quindi nei periodi in cui, mettevo su qualche chilo, o mi vedevo qualche grammo in più di cellulite, cercavo subito di correre ai ripari. E quindi iniziavo diete, creme, massaggi e a volte in modo anche piuttosto frustrante se non ottenevo subito i miei obiettivi. Mi ero rifatta anche il seno, perchè dopo aver avuto le mie bimbe, la mia seconda scarsa era diventata una seconda di giro spalla, ma una prima di reggiseno…non mi potevo vedere!! Quindi nonostante non mi mancassero i complimenti da parte di amici o conoscenti, sia maschili che femminili, io in fondo non mi sono poi così tanto accettata… C’era sempre una parte del mio corpo, che non mi andava bene!

Poi arrivò il Cancro, un carcinoma della grandezza di 3 cm, proprio sopra il capezzolo, e arrivò anche il giorno della mastectomia, dove oltre a svuotarmi il seno dalla ghiandola mammaria, mi tolsero completamente anche aureola e capezzolo! L’immagine e il volto della dottoressa che mi disse che avevano tolto tutto, quando tornai su dalla sala operatoria, ce l’ho stampata come fosse una fotografia. Le lacrime scesero sul mio viso, senza che io gliene dessi autorizzazione…
Non volevo che gli altri pensassero che ciò che mi importava era l’aspetto fisico, ma al tempo stesso sapevo dentro di me, che la cosa che avrei dovuto accettare di più, era guardarmi tutte le mattine allo specchio e vedere che il mio seno non era più come prima, guardarmi allo specchio e ricordarmi tutti i santi giorni, che quella parte del mio corpo era malata, o perlomeno lo era stata, quindi avrei avuto davanti agli occhi tutti i giorni quel trauma, quel ricordo, quel terribile momento.

Non fu facile e per tanti giorni piansi davanti allo specchio, guardando quella cicatrice, a cui erano legate tantissime emozioni… Poi un bel giorno, mi resi conto che la Mara dopo il secondo Cancro non era più la stessa Mara prima del Cancro, qualcosa era cambiato, tanto era cambiato e molto era cambiato in meglio, quindi se quella cicatrice mi doveva ricordare qualcosa, non erano i pianti e la disperazione per la malattia, ma era la RINASCITA di una nuova donna, una donna che con il dolore e la sofferenza della malattia, aveva trovato il coraggio per rinascere e amare più se stessa.

Da quel giorno, quando faccio la doccia e mi metto davanti allo specchio, mi massaggio e spargo l’olio prima sempre sul mio seno destro (quello operato), accarezzandolo e chiedendogli scusa per non averlo fatto prima e poi ringraziandolo per questa nuova opportunità di vita.

Ama il tuo corpo qualunque esso sia, se non altro perchè è tutto ciò che hai!!!

La prima consulenza è gratuita!

Chiamami senza impegno e scopri se il cancer coaching fa per te!

Comments

  1. Orietta

    Tutto vero.Stesse sensazioni provate anche da me.Odio di quella parte del mio corpo che si ribellava al mio stato abituale di forza,salute e bellezza.Poi ho accettato di amarmi con il mio seno di silicone a cui non ho voluto far aggiungere neanche il capezzolo,ho voluto accettarmi per quello che sono adesso.Ora ho solo paura di perdere quello che ho trovato di me.

    1. Author
      Mara

      Cara Orietta,
      perché dovresti perdere ciò che hai trovato di te? Cosa intendi dire?
      Se veramente ora ami il tuo seno ed il tuo corpo così come è, questo è un dono inestimabile che non potrai mai perdere… Buona vita e se vuoi un confronto sono apertissima. Grazie, ciao

  2. paola

    perche io dopo quadractomia e svuotamento ascellare..6 mesi di chemio e poi rsdiotarapia..ora che e tutto finito sono caduta in una forte depressione..non riesco a riprendermi la mia vita…

  3. Letizia

    Anche io 2 anni fa ho avuto una mastectomia al seno destro, il tumore era sul capezzolo e l’area sopra la mammella;non era grande ma avendo il seno piccolo ha tolto la mammella invece del quadrante. Anche nel mio caso c’è erà la possibilità che togliessero l’aureola ,invece e stato asportato solo un piccolo pezzetto. Non ho più sensibilità, e un po’ diversa dal altra , unica cosa importante per me e guarire ,poi aspetto fisico gli ho sempre dato poco importanza ho imparato a lamentarmi di meno , e faccio le cose che mi piacciono in modo da non pensare . Letizia

    1. Author
      Mara

      Grazie Letizia per la tua preziosa testimonianza! Buona vita a te
      Mara Mussoni
      Cell. 335/1392638

  4. Federica

    Io purtroppo ho avuto un tumore al seno.. mastectomia totale e svuotamento di 36 linfonodi ascellari. Ho una paura tremenda che il mio corpo mi possa tradire ancora… adesso sto facendo.ormonale e radio a settembre … a me hanno inserito la.protesi direttamente.. e vi garantisco che mi da fastidio perché io prima avevo un ottava .. adesso ho una protesi da 5 e mi hanno fatto la riduzione dell’altro seno… ma la.mia paura di metastasi e che mi possa tradire ancora è enorme .

    1. Author
      Mara

      Capisco molto bene ciò che mi descrivi, ma occorre lavorare su di se per acquisire strumenti per abbassare la paura, perché si rischia di non vivere più e condizionare tutta l’esistenza. Quando sarai pronta, sai dove trovarmi, nel frattempo Buona vita !

Lascia un commento